SCONTO 20% codice GUSTO20

Strenna di Natale Valnerina
Strenna di Natale Valnerina
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Strenna di Natale Valnerina
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Strenna di Natale Valnerina

Strenna di Natale Valnerina

Prezzo di listino
€43,90
Prezzo scontato
€43,90
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse. Spedizione calcolata al momento del pagamento.

Vuoi andare sul sicuro e fare un regalo perfetto? Questo cesto di Natale farà al caso tuo! Abbiamo ideato una confezione che contiene la selezione dei migliori prodotti artigianali direttamente dall'Umbria e Toscana. In basso troverai una descrizione dettagliata delle specialità all'interno della confezione regalo.

La confezione contiene:

  • Salame di Norcia, 250 grammi;
  • Pecorino stagionato, 400 grammi;
  • Sugo di Norcia biologico alle verdure, 190 grammi;
  • Stringozzi umbri, 250 grammi;
  • Lenticchie di Castelluccio, 250 grammi;
  • Roveja di Castelluccio, 250 grammi;

Salame di Norcia: Salamino dal gusto delicato, prodotto dal nostro Artigiano dei Salumi con spalla e pancetta di suino macinate finemente. Le carni, dopo una prima fase di macinazione, vengono impastate con aglio pepe e sale e successivamente insaccate in budelli naturali. Effettuata la fase di stufatura o sgocciolamento per un tempo di circa 7-10 giorni i salami vengono trasferiti nelle stanze di stagionatura, dove rimangono alla temperatura di 15° C ed umidità relativa del 75% per un tempo minimo di 25-30 giorni. Durante la fase di stagionatura, l’idoneità dell’ambiente favorisce la maturazione, ed i salami acquistano le tipiche caratteristiche di sapore e consistenza.

Pecorino stagionato: affinato in barrique nasce dalla capillare ricerca che è stata fatta tra i vecchi pastori della Valdichiana, maestri nella conservazione del formaggio con materie povere, regalando al formaggio un sapore ed un profumo unico. Le forme sono adagiate in barrique di rovere, e tenute a temperatura ambiente. Esse sono adagiate a strati assieme alla materia in cui sono a stagionare le piccole fessure tra le assi delle botti, consentono all'aria di penetrare delicatamente all'interno e creare un microclima perfetto per la maturazione del formaggio. Quando le forme raggiungo la stagionatura perfetta vengono adagiate in casse presentando la forma irregolare ma il profumo e l'intensità del gusto rende ogni formaggio unico nel suo genere.

Sugo di Norcia biologico alle verdure: sugo vegetale biologico pronto in 3 minuti, con ingredienti semplici per un piatto della tradizione italiana, in comodo formato per 2-4 persone.

Stringozzi umbri: sono un formato di pasta lunga a sezione rettangolare. Si tratta di un prodotto tipico Umbro, in particolare del comprensorio Folignate-Spoletino, ma diffusi anche nelle Marche e nel Lazio . A seconda delle zone di produzione vengono chiamati: “strangozzi, strengozzi, strongozzi”, nel perugino “umbricelli” e nel ternano “ciriole”. L'aspetto degli stringozzi ricorda molto quello dei tagliolini, ma a differenza di questi ultimi sono ritenuti un " prodotto povero" perché nella tradizione si prepara senza uovo, anche se è ormai utilizzato in molte produzioni artigianali.

Lenticchie di Castelluccio: un alimento importante e un piatto povero molto prezioso grazie all’alto apporto di proteine (per cui sono usatissime nelle diete vegetariane e vegane) e di carboidrati complessi rispetto alla minima percentuale di grassi. La lenticchia di Castelluccio è coltivata ad un’altitudine di ca. 1500 metri ed ha una buccia sottile e tenera che consente una cottura senza ammollo riducendo notevolmente i tempi di preparazione. Il grande pregio qualitativo del nostro prodotto deriva dalle condizioni climatiche e dalle caratteristiche particolari del terreno dell'altopiano di Castelluccio di Norcia.

Roveja di Castelluccio: è un legume simile ad un pisello, dal seme colorato che và dal verde al marrone. Nei secoli passati veniva coltivato sulla dorsale appenninica, soprattutto sui Monti Sibillini. E’ resistente alle basse temperature, ha bisogno di poca acqua e si coltiva in primavera – estate. Insieme alle lenticchie, alle cicerchie e alle fave era la protagonista dell’alimentazione di pastori e contadini. Si può mangiare fresca oppure essiccata, in questo caso è ottima per la preparazione di zuppe e minestre.

Language
Italian
Open drop down