Spedizione gratis sopra i 69€

Pinot Noir Côte aux Enfants 2015 Bollinger

Pinot Noir Côte aux Enfants 2015 Bollinger

Prezzo di listino
€125,00
Prezzo scontato
€125,00
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse. Spedizione calcolata al momento del pagamento.

Cote Aux Enfants (la collina dei bambini) è così chiamata in relazione al ripido pendio che la costituisce; la leggenda narra che in tempi passati solo i bambini riuscissero a scalarla. Eppure questo terroir eccezionale produce un vino altrettanto eccezionale. Utilizzato anche nella cuvee dello champagne La Grande Année Rosé, questo pinot nero è talmente qualitativo che la Maison Bollinger ha deciso di produrlo separatamente, come vino rosso fermo. Una chicca! L'appellazione Coteaux Champenois riguarda i vini rossi (bianchi e rosati) fermi provenienti dall'intero territorio della Champagne. Sono stati surclassati dalla notorietà dello Champagne nel corso della storia, ma riservano piacevoli sorprese a chi ama questo territorio. “La Cote Aux Enfants” Rouge di Bollinger è un Pinot Noir in purezza vinificato in rosso. Le uve provengono da vigne coltivate in una piccola parcella particolarmente vocata, che si trova nel territorio del Grand Cru di Aÿ.

Caratteristiche

  • Processo: Al termine della vendemmia, le uve sono vinificate in rosso con la classica macerazione sulle bucce. Il vino matura per circa 8 mesi in barrique di rovere francese prima d’essere imbottigliato.
  • Degustazione: Alla degustazione attacca con profumi di sambuco, liquirizia, ribes e ciliegia finendo con una leggera nota speziata. Una perfetta struttura tannica e una bilanciata parte aromatica orientata sui frutti rossi. Ha una consistenza fine e delicata, in bocca, e una tensione che gli conferisce un finale magnificamente lungo.

Questo vino è un'esperienza unica in Champagne! Il “La Cote Aux Enfants” Rouge della famosa Maison Bollinger rappresenta un’etichetta rara e molto particolare: solo poche migliaia di bottiglie per questo grande vino che dimostra un'incredibile eleganza, pulizia, precisione e profondità gustativa. Abbinamenti: Carne arrosto-grigliata, Carne rossa in umido, Selvaggina.

Scheda tecnica

PEZZATURA: Bottiglie da 0,75L.

PROVENIENZA: Francia.

VITIGNI: 100% Pinot Nero.

GRADAZIONE: 12,5% vol.

TEMPERATURA DI SERVIZIO: Temperatura compresa tra 10/12°C.

MODALITA' DI CONSERVAZIONE: in luogo fresco e lontano dalla luce del sole.

PRODUTTORE: Champagne Bollinger - Ay, Aÿ-Champagne, France.

NOTE SPECIFICHE: Contiene solfiti.

Storia Champagne Bollinger

La storia inizia con Athanase de Villermont, il figlio più giovane di una nobile famiglia dal brillante destino. Grande soldato che brillò durante la Guerra d'Indipendenza americana, ereditò dalla sua famiglia una vasta proprietà nell'area di Aÿ. Intuì subito le straordinarie potenzialità dei vini di Champagne, ma da aristocratico gli fu proibito di dedicarsi al commercio. Ha poi incontrato Joseph Bollinger, un tedesco molto viaggiato che aveva lasciato il suo paese d'origine per conoscere il commercio del vino della Champagne, e Paul Renaudin, un uomo del posto che era affascinato dal mondo del vino. L'azienda Renaudin-Bollinger & Cie viene fondata il 6 febbraio 1829. Giuseppe si occupa delle vendite e Paolo della cantina. Athanase aveva fondato una casa di champagne che sarebbe durata nei secoli. Joseph Bollinger sposò Louise-Charlotte, figlia di Athanase, nel 1837. Col tempo i loro figli, Joseph e poi Georges, rilevarono l'attività. Dalla crisi della fillossera al tumulto della Grande Guerra, avrebbero dovuto affrontare alcune delle più grandi sfide della Casata. Sotto la guida dei due fratelli Bollinger acquisì comunque grande notorietà e ampliò considerevolmente i suoi vigneti. Nel 1920 Jacques Bollinger, figlio di Georges, si ritrova alla guida della Casa: un fardello pesante per un 24enne. Affrontò la sfida con coraggio, aiutato dai cugini Pierre e poi Yves Moret de Rocheprise; poiché la forza di Bollinger risiede anche nei suoi potenti legami familiari. Sofisticato, colto e di lingua inglese fluente, Jacques aumentò l'importanza di Bollinger attraverso la Manica. Quando la scozzese Elizabeth Bollinger (nata Law de Lauriston-Boubers) sposò Jacques nel 1923, anche lei sarebbe stata coinvolta appassionatamente nel destino della Maison. Aveva solo 42 anni quando perse il marito al culmine della guerra. Senza esitazione e con grande dignità è intervenuta per prendere il testimone. "Madame Jacques", come era soprannominata all'interno della Casa, si gettò anima e corpo nel suo nuovo ruolo. Durante i suoi numerosi viaggi all'estero la sua grazia e il suo fascino naturali fecero miracoli. Allegra e spiritosa, Madame Bollinger fu comunque una formidabile stratega. Un'impavida imprenditrice, era anche molto perfezionista e tollerava a dir poco l'eccellenza, era sempre pronta a innovare ed era la forza trainante dell'originalissima cuvée Bollinger RD. Con il suo consueto buon senso, Madame Bollinger raccolse intorno a sé i membri della famiglia che più sapevano seguire le sue orme. In primo luogo ha insegnato a Claude d'Hautefeuille, il marito di sua nipote, i dettagli della casa. Nel 1950 divenne Direttore e lanciò un ambizioso programma di ammodernamento nel rispetto dei requisiti di qualità di Bollinger. Madame Bollinger lo nominò Presidente nel 1971, ma rimase strettamente coinvolta fino alla sua morte sei anni dopo. Il nipote di Madame Bollinger, Christian Bizot, è subentrato a Claude nel 1978. Grande viaggiatore, come prima di lui sua zia Lily ha fatto un punto di incontro con sommelier, ristoratori e commercianti di vino per promuovere i vini della Maison. Un grande presidente, era noto per la sua schiettezza e informalità. Nel 1994 fu proprio il pronipote del fondatore Joseph Bollinger a diventare capo della Casa. Dopo aver iniziato la sua carriera in Cile, Ghislain de Montgolfier ha continuato a sviluppare la Maison con la ricerca dell'eccellenza come luce guida. Continua a mantenere una politica di limitazione volontaria delle quantità prodotte per aumentare la qualità, pur rimanendo fedele allo spirito Bollinger. Instancabile lavoratore, Ghislain ha un grande senso dell'umorismo e combina il rigore scientifico con l'entusiasmo per il successo. Nel 2007 la sua competenza tecnica lo ha portato ad essere eletto capo del Consiglio dell'Union des Maisons de Champagne e co-presidente del Comité interprofessionnel du vin de Champagne. Nel 2008 è stato nominato un nuovo Presidente, non familiare. Questo era Jérôme Philipon, uno Champagne nativo che ha costruito una carriera impressionante con grandi gruppi industriali. È la prima volta nella storia di Bollinger che il suo futuro è stato affidato a qualcuno al di fuori della famiglia. Insieme alla famiglia, Jérôme Philipon ha continuato a sviluppare lo Champagne Bollinger ea garantire che i suoi principi e valori siano rispettati. Nel 2017 Charles-Armand de Belenet è diventato amministratore delegato di Champagne Bollinger. Con lui, Bollinger continua a preservare la sua tradizione artigianale incorporando il meglio delle tecnologie innovative, per perseguire un futuro di sviluppo commerciale e di qualità per il marchio.